Breaking News

Giordano: Bono Vox, re dei paradisi fiscali in Africa, evasore, viene a farci la morale sui migranti?






Dall’editoriale di Mario Giordano su Libero: Ma com’è Bono lei. La rockstar, leader degli U2 e cantante della solidarietà planetaria, è tornata fra di noi per darci lezioni di morale. Se ne sentiva il bisogno, in effetti: avendo lui aperto otto società off shore alle Antille olandesi per eludere il fisco, è diventato un indiscutibile maestro di etica. Per questo è stato all’Expo, ha incontrato Renzi, ha rilasciato un’intervistona alla “Stampa”.

E così ha avuto modo di spiegarci con toni perentori come aiutare chi soffre, come lottare contro la povertà, come debellare la fame nel mondo e soprattutto come accogliere gli immigrati. Esattamente come fa lui: uno che è disposto a tutto per aiutare il prossimo.

A patto, s’intende, di non pagare le tasse. Dall’alto del suo patrimonio da quasi un miliardo e mezzo di euro, dimenticando per un attimo il suo parco auto da sceicco, il suo tenore di vita da pascià e la sua passione per la turbo finanza, Bono Vox ci suggerisce di «parlare di Africa non come un problema ma come un’opportunità». Tesi interessante, se proposta da lui: che stiano aprendo un paradiso fiscale anche in Costa d’Avorio? tasse del Gabon sono più basse di quelle delle Antille Olandesi? In attesa di una risposta, ci rimettiamo in ascolto del Verbo Bono: «L’Europa – dice il maestro – è un pensiero che deve diventare un sentimento». Bella frase: suona bene e non vuole dire una fava. Quelli dei Baci Perugina saprebbero far di meglio. Senza contare che di sentimenti l’Europa ne stimola già fin troppi. Ma è meglio non dire quali.

Per noi ci sentiamo di ringraziare la rockstar: ci mancavano proprio un po’ di banalità a buon mercato. Concorrenza sleale a Renzi? Davanti a numerosi esponenti del governo, dalla Boschi a Martina, Bono in effetti ha speso parole entusiastiche per il nostro premier: «Mi piace il suo italian ego», ha detto (beh, sì in effetti a ego fanno una bella gara). Poi ha aggiunto che Renzi «è stato l’unico sano di mente in un clima folle» (andiamo bene). Subito dopo però la rockstar ha eletto la Merkel a «nuovo simbolo morale».

Ecco: Renzi unico sano di mente e Merkel simbolo morale, perfetto no? Ci manca che paragoni la Germania al Club delle Giovani Marmotte e Mario Draghi a Madre Teresa di Calcutta e poi la sua ribellione nei confronti dei poteri forti sarebbe davvero completa. Proprio come vuole la leggenda della rockstar, disposta a tutto, come è noto, pur di schierarsi vicino ai deboli. Ma soprattutto lontano dall’erario.

Quest’ultima caratteristica, cioè l’idiosincrasia al fisco, gli ha dato però un’autorità morale indiscussa sul palcoscenico dell’Expo, dove il leader degli U2 ha voluto smentire chi dice che è Bono solo a cantare. Balle. A raccontare favole è molto più bravo. E infatti la sua lectio magistralis di etica arriva perfino a spiegarci come dobbiamo chiamare quelli che accogliamo a casa nostra. Immigrati ovviamente non va bene, migranti neppure, clandestini figuriamoci. A lui piace “profughi”. E quelli che profughi non sono? Li chiamiamo profughi lo stesso, perché a Bono piacecosì.E nessunolo contraddica, altrimenti lui se ne va alle Antille Olandesi, insieme alle sue società off shore.

E noi come potremmo vivere senza? Chi ha l’autorità di sostituire cotanto magistero? Sentirsi in paradiso (fiscale), evidentemente avvicina alla santità. E infatti Bono Vox non si è limitato a dare lezioni di etica a noi poveri mortali. Macché: ha spiegato persino le Scritture al Papa, dopo averlo definito “un poeta” (qualcuno gli ha detto che si chiama Francesco perché si è ispirato al Petrarca?). «Nelle Scritture ci sono oltre 2mila passi sui poveri», ha detto.

Continua a leggere su Dagospia

redazione riscatto nazionale.it

Shares


Utilizziamo i cookie per darvi la migliore esperienza sul nostro sito. Se si continua a utilizzare questo sito assumeremo che siete felici con esso. Ok